YSL Opium, intervista ad Emily Blunt in esclusiva per FashionHall

Come avete avuto il piacere di vedere qui in anteprima, sarà Emily Blunt la protagonista della nuova campagna pubblicitaria della fragranza Opium (prima di lei era stata Kate Moss il volto di questo profumo) di Yves Saint Laurent. In questa video intervista il racconto dell’attrice, che parla di questa sua esperienza come protagonista e volto di Opium. La seconda e la terza parte dell’intervista la potete ascoltare dopo il salto. Enjoy!
- Che ruolo gioca la fragranza nella sua vita?
‐ Penso che una fragranza sia un’esperienza molto personale. C’è chi la indossa perché dona sensualità, chi
perché infonde sicurezza, chi perché ha appuntamento con un uomo, chi perché evoca un ricordo. Credo sia
proprio questo che amo di più. Il fatto che susciti molti ricordi nelle persone. Tutti dicono sempre che hanno
annusato qualcosa e che ricordano il bellissimo momento vissuto, magari anche molti anni prima. Non si
dimentica mai come qualcosa profuma. Si possono dimenticare volti e nomi, non si possono mai dimenticare i profumi, c’è qualcosa di molto potente legato a essi. E così, con me, la fragranza parla a un’estensione della mia personalità, e in questo modo dà realmente più consapevolezza alla scelta della nostra aura, c’è qualcosa di fantastico in questo.
E’ la prima volta che lavora con una fragranza?
‐ E’ la prima volta che lavoro con una fragranza e che sono testimonial di un brand. Per me è particolarmente emozionante che sia Yves Saint Laurent, perché lo ammiro da così tanti anni, ho un enorme rispetto per ciò che questa casa di moda realizza, perciò farne parte, far parte della storia di Yves Saint Laurent è davvero una grandissima emozione.
Che cosa significa il brand Yves Saint Laurent per lei?
‐ Yves Saint Laurent è un brand incredibilmente senza tempo che irradia così tanta eleganza e stile. C’è anche qualcosa di misterioso che lo avvolge. Si reinventa costantemente e sorprende le persone, ma più di tutto, penso che parli alla forza della femminilità e delle donne. C’è una forza, un calore interiore, in ogni cosa che realizza.
Per lei, che cosa Yves Saint Laurent ha portato alle donne?
‐ Ciò che credo Yves Saint Laurent abbia realmente fatto per le donne sia stato dare loro un atteggiamento di grande sicurezza, e penso che fosse qualcosa di nuovo per l’epoca, che permise alle donne di mantenere una grande femminilità ma con una forza al suo interno. Questo era abbastanza raro.
Che tipo di esperienza è stata fare lo shooting e le riprese per Opium?
‐ È stato davvero emozionante, ho lavorato con grandi artisti per tutto lo scorso weekend. E’ stato
entusiasmante perché mi è stata data una storia da interpretare, e per me, come attrice, è davvero
appassionante quando ne ho l’occasione. Non sto solo posando o cercando di vendere un prodotto, ma
interpretando realmente un personaggio. E’ stato davvero eccitante e ha reso ancora più affascinante far
parte di questo brand.
Di che cosa parla il nuovo spot di Opium?
‐ Il film racconta una storia attraverso un’esperienza molto sensoriale, coinvolgente per il pubblico. Racconta la storia di una ragazza a una festa, in un luogo misterioso, forse un castello, forse un altro posto. E’ alla ricerca di Opium, così abbandona questa festa e inizia a camminare… C’è qualcosa di molto determinato e sicuro sul luogo dove è diretta. E tu continui a cercare di indovinare dove stia andando… lei sta parlando alla sua passione per la fragranza, al suo desiderio di averla. Perciò ti porta con sé in questo viaggio misterioso mentre cammina per i corridoi di questo castello, finché trova Opium. E ancora una volta è una donna forte, una ragazza fantastica. E’ forte, probabilmente grazie alla sua profonda passione per Opium.

Commenti Facebook

Powered by Facebook Comments

Elena Schiavon, blogger. (Padova, IT) A luglio è uscito il mio primo libro, un manuale sul "Little black dress - piccola guida al tubino nero" edito da Astraea. Colleziono rossetti rossi e scarpe. Sono co-fondatrice di www.impulsemag.it.

Share This Post

1 Comment

Leave a reply

Perché?