Un trattamento da regina alla corte di Kèrastase


Qualche giorno fa vi ho accennato della mia giornata passata presso la sede storica di L’Oreal a Torino per conoscere e testare i nuovi prodotti di Kèrastase, una delle marche di prodotti professionali in seno alla L’Oreal. Ho visto spesso circolare per casa mia i prodotti Kèrastase, dal momento che questo marchio offre prodotti per i capelli attraverso un approccio scientifico alla cura del capello; piccole boccette con principi attivi, perle nutrienti, creme idratanti per i capelli mi hanno introdotta in un mondo dove nulla è lasciato al caso e dove ogni trattamento è personalizzato su misura delle nostre esigenze e aspettative: perchè, se è importante come sono i nostri capelli, è importante anche come li vediamo e vogliamo noi. Tra consigli, chiacchiere, prove e domande, mille mila tweet, post e foto, oltre ai cestini per la colazione di Food Lab che sono andati a ruba. 

La novità più interessante del mondo Kèrastase è Fusio-Dose, prodotto di innovazione del 2011 e primo sistema creato su misura realizzato con ingredienti attivi concentrati e miscelati. Basta miscelare i principi attivi e gli ingredienti secondo quanto emerge dalla vostra autoanalisi (che potete fare su questo sito, o far fare al vostro hair stylist) e il gioco è fatto: brillantezza, corposità, volume, nutrimento….Secondo voi io che trattamento ho scelto? Quello che mi garantisce brillantezza e nutrimento visto che proprio tre giorni prima avevo fatto un tentativo di colore sui capelli, finito così così… E per testare sulla nostra pelle (in questo caso bisognerebbe dire, sui nostri capelli) questo prodotto, siamo state portate per un trattamento da Franco Curletto, hairstylist torinese che ha curato le acconciature della mostra dal ’60 ai giorni nostri.
Un legame, quello tra L’Oreal, Kèrastase, Franco Curletto e la moda che ci ha portate dritte drittte all’inaugurazione della mostra alla Reggia di Venaria, dove ho ammirare (in alcuni casi, come vi raccontavo qui, sono rimasta letteralmente senza parole) in anteprima abiti meravigliosi degli ultimi 150 anni, sotto la direzione artistica della costumista Gabriella Pescucci e dalla direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani per poi partecipare al cocktail party esclusivo con dj set dove erano presenti personaggi noti, stilisti, giornalisti e tutto l’establishment della moda.





Commenti Facebook

Powered by Facebook Comments

Elena Schiavon, blogger. (Padova, IT) A luglio è uscito il mio primo libro, un manuale sul "Little black dress - piccola guida al tubino nero" edito da Astraea. Colleziono rossetti rossi e scarpe. Sono co-fondatrice di www.impulsemag.it.

Share This Post

5 Comments

  1. Torino Style - 22 settembre 2011

    Wow, hai delle scarpe strepitose! Furba io, in un post sui capelli noto le scarpe :P

  2. Rosaspina Vintage - 22 settembre 2011

    Che bella :) Quelle piastre comunque erano pazzesche, mi hanno tenuto le onde per un sacco di tempo!
    Un bacio cara,
    Ale

  3. Alessandra Nido - 22 settembre 2011

    Gran bella giornata ;D
    Spero di rivederti presto!

  4. The white cabbage - 24 settembre 2011

    scusa la franchezza , ma per farsi pettinare così non serviva nè un post sugli ultimi prodotti di Kerastase, nè scomodare questo Curlanetto, se andavi dalla prima parrucchiera di rione o meglio da una cinese a 8 euro ti avrebbe pettinata meglio.

    ave

  5. Elena Schiavon - 28 settembre 2011

    Ale+Ale sono felice di avervi conosciute!! :) a presto spero! un bacione

Leave a reply

Perché?