My beauty: Redken Curvaceous Night

My beauty: Redken Curvaceous Night

Mentre i miei capelli erano tra le mani di Marco, il mio hairstylist per la Redken Curvaceous Night, gli ho chiesto: “Hai mai trovato una donna contenta per i suoi capelli?”. Lui effettivamente mi ha sorriso e mi ha confidato che, se ne ha trovate, si contavano sulle dita di una mano. E’ questo alla fine il peggior difetto di noi donne: avere sempre qualcosa da ridire sul nostro aspetto; che sia il naso, la bocca, o i capelli. Come me. Mi vedete sempre con i capelli lisci nelle foto, ma i miei capelli sono naturalmente ricci. Per questo ho partecipato volentieri alla serata organizzata da Redken per presentarci la sua linea dedicata ai ricci, la Curvaceous, e il “Curly Pride”, una community di donne di cui si sono fatti sostenitori. Ho pensato che probabilmente solo dei professionisti potevano farmi cambiare idea sui miei capelli.

Diciamo che l’esperimento è riuscito, grazie anche ai consigli di Marco, che mi ha insegnato quali prodotti usare per avere dei capelli ricci e ben definiti, evitando l’orribile effetto crespo sulla cute. Dopo aver lavato i capelli (senza mai dimenticare il balsamo, una cosa che più di una volta ho sentito dire perchè alcune sono convinte che il balsamo appesantisca i capelli: basta applicarlo correttamente, enfatizzando il massaggio sulla lunghezza e le punte e non sulla cute), applicate un prodotto che protegga i capelli dal calore del phon: nel mio caso ho utilizzato per il lavaggio la linea Curvaceous e lo spray numero 03 dopo il lavaggio; una volta asciugati con una salvietta, basta prendere i capelli ciocca per ciocca arrotolandoli su sè stessi, andando a creare una sorta di “dredd” mentre li si asciuga con il phon. Finita tutta la chioma, si muovono le ciocche arrotolate e si lavorano per ottenere uno styling riccio ma curato. Non mi sono convertita del tutto ai miei capelli naturali, ancora adesso prediligo i capelli lisci, ma più di una volta (come potete vedere QUI e QUI) mi sono asciugata i capelli assecondando la loro natura e sono convinta che con l’arrivo dell’estate li lascerò molto più naturali del solito. Una piccola osservazione che ho avuto modo di verificare utilizzando anche altri shampoo e balsamo di Redken, oltre alla linea Curvaceous: la consistenza sia di shampoo che balsamo è davvero cremosa, i prodotti sembrano delle creme e non viscose lozioni; ed effettivamente questa “cremosità” si riflette sui capelli che, terminato il lavaggio, risultano davvero morbidi, corposi e lucenti. Pollice in su!

p.s. I prodotti Redken Curvaceous li trovate nei saloni autorizzati (trovate l’elenco sul sito)

Prima…

…e dopo

Commenti Facebook

Powered by Facebook Comments

Elena Schiavon, blogger. (Padova, IT) A luglio è uscito il mio primo libro, un manuale sul "Little black dress - piccola guida al tubino nero" edito da Astraea. Colleziono rossetti rossi e scarpe. Sono co-fondatrice di www.impulsemag.it.

Share This Post

Leave a reply

Perché?