Miss Italia: emozioni e ricordi


Faticosa, stancante, ma decisamente unica e “da fare”: è stata la mia esperienza a Miss Italia. Come sempre quando le cose si vivono da “dentro”, ci si rende conto di che cosa ci stia dietro uno spettacolo che per la maggior parte delle persone si esaurisce in due serate di diretta televisiva. Mesi e mesi di lavoro, centinaia di maestranze impegnate praticamente non stop per, come si dice in gergo, portare a casa il risultato. Per questo voglio cominciare con il ringraziare innanzitutto a tutti coloro che hanno reso possibile la mia presenza a Montecatini Terme (non come Miss, come inviata! LOL), e nello specifico Elena Mirò, con cui ho collaborato per il live tweet, e Miss Italia. Come per tutte le belle avventure non sono mancati alcuni momenti di sconforto: le giornate sono piene di eventi, incontri e dibattiti; si corre da un posto all’altro senza sosta a caccia di news, e la stanchezza a volte prende il sopravvento. Ma è anche il bello di questi eventi, che condensano tutto in pochi giorni e che ti fanno sentire “dentro” che più dentro non si può, che creano un clima famigliare e di collaborazione, che fanno nascere contatti, relazioni, storie. Che magari durano lo spazio dell’evento, ma in alcuni casi invece aprono nuove strade. Bellezza ovunque, come recitano i cartelloni sparsi per tutta Montecatini Terme (a cui davvero va da parte mia un ringraziamento speciale per l’ospitalità), Miss che se fotografate accanto a te ti fanno sentire nonna Papera, il bello della diretta, la pioggia che improvvisamente sorprende tutti, le cene di gala (una delle più belle e raffinate a cui abbia mai presoparte) e i piedi doloranti per i tacchi, i sorrisi e la pazienza delle persone, i meeting con il team di Elena Mirò (che è, secondo me, proprio come lo immaginate: solare, accogliente, spontaneo….curvy inside, insomma!) che mi ha fatto riflettere profondamente su alcuni meccanismi della moda e sul rapporto delle donne e dei media con il corpo delle donne. Ma anche la mia valigia estiva inadeguata a queste giornate di improvviso trapasso autunnale, i prodotti degli sponsor di Miss Italia da provare, i vip (più o meno tali) ad ogni angolo di strada, gli autisti che ci hanno scarrozzato a destra e sinistra, i nuovi amici blogger con cui ho fatto delle risate indimenticabili (Robyberta e Freaky Friday, Leichic) le foto, i post, gli incontri, le Miss,…Un frullatore di emozioni, ecco cosa sono stati per me questi tre giorni. E ora via, che la settimana della moda cominci!

p.s. Seguiranno foto scattate con la macchina fotografica invece che con l’iPhone..avete visto quella che ha scattato Christian che ho pubblicato su Corriere.it? E’ l’attimo esatto in cui viene eletta la Miss: guardate i volti delle due finaliste…
Prima serata


Il dopo Miss

La gobba in sala stampa

Occhi di rana aka che sonno

Ipnotizzata dal lavoro di autori e cameraman

Finalissima

Francesca Testasecca Miss Italia 2010

E poi accanto a te ti trovi Miss Italia nel mondo 2011

Si discute di nudo: due delle squalificate

















Commenti Facebook

Powered by Facebook Comments

Elena Schiavon, blogger. (Padova, IT) A luglio è uscito il mio primo libro, un manuale sul "Little black dress - piccola guida al tubino nero" edito da Astraea. Colleziono rossetti rossi e scarpe. Sono co-fondatrice di www.impulsemag.it.

Share This Post

4 Comments

  1. Nesi - 21 settembre 2011

    wowww! sei stata fortunata a partecipare ad un evento come questo! complimenti per il post! belle anche le foto!

  2. Elena Schiavon - 21 settembre 2011

    Ciao!Sì, è stata davvero un'esperienza unica, spero di riuscire ad andarci ancora e riuscire anche a cogliere aspetti e meccanismi che magari questa volta mi sono sfuggiti! :) un abbraccio

  3. Torino Style - 22 settembre 2011

    Non sono una fan di Miss Italia ma seguirla dal vivo (e da dietro le quinte) deve essere veramente emozionante!

  4. Elena Schiavon - 28 settembre 2011

    Ciao Maurizia! Vivere alcuni eventi storici da dietro le quinte è davvero molto molto interessante!!

Leave a reply

Perché?