My digital experience: Make you up 2013

My digital experience: Make you up 2013

Se quel “lontano” 27 novembre 2007 non avessi deciso di premere il tasto “publish” del mio primo post, probabilmente non avrei potuto fare esperienze uniche e conoscere persone meravigliose. Ma con i se non si fa la storia, ed è proprio perchè quel giorno ho deciso di farlo, che venerdì ho partecipato a “Make you up! 2013″, il barcamp organizzato dal team giovani della Banca di Udine; nel corso di questa serata sono state presentate 14 storie di altrettante persone che hanno fatto di una loro passione un business o un lavoro (ehi, c’ero anch’io). Allora, sono ancora piena di emozioni e belle sensazioni della serata, ed è per questo che ho deciso di scrivere di getto, perchè voglio che passi questo, l’emozione. E’ stata una bella serata, ho conosciuto storie e persone incredibili, che hanno completamente stravolto la loro vita per inseguire – e realizzare- un sogno.

Come ogni volta che sto in mezzo alle persone, conosco qualcuno che in qualche modo mi segue e ha seguito nel mio percorso, e non riesco ancora a capacitarmi dell’emozione di ogni abbraccio che ricevo, che è anche il senso di tutto il mio lavoro.

Ciascuna delle 14 storie raccontate ha qualcosa di straordinario, ed incoraggiante, e anche rincuorante, ma ce ne sono alcune che mi hanno colpito di più. Tutte storie con un unico denominatore comune, la passione, di cui riusciamo a malapena a intuire la fatica, le difficoltà, i momenti no, perchè ne vediamo la parte positiva, condita di un entusiasmo contagioso. La prima, la storia di Soltanto, un ragazzo che ha mollato tutto ed è partito in autostop in giro per l’Europa per inseguire il sogno della musica; ha cominciato a suonare nelle strade e nelle piazze, è tornato a casa, con una campagna di crowdfounding è riuscito ad incidere il suo primo cd (che ho comprato!) e ora gira l’Italia cantando e suonando nelle piazze. La seconda, quella che ha come cardine la creatività straordinaria di Uolli, che ha realizzato perfino un libro pop up di quattro metri (e io amo i libri pop up!) e fa delle cose straordinarie con carta, cartone, ingegno. La terza, quella dello scrittore ingegnere Simone Marcuzzi, che scrive libri che possono accompagnare le vite di ciascuno di noi.

E tutte le storie di chi ha fatto di una passione, un’idea un lavoro. Con me c’erano Simone Paoloni (fumettista), Simona Tomasetig (artigiana), Fabio Passon (architetto), Emanuele Vidotti (imprenditore), Federica Piersimoni (travel blogger), Andrea Kleiner (medico), Elena Roppa (food & wine event manager), Riccardo Manente (fondatore di Praio), Matteo di Bert (ingegnere), Michele Marzotto (fondatore di Jewelgram).

1014277_444294162334116_887004720_n 1004434_444294159000783_825633175_n 1012745_444294799000719_1279992321_n 969448_444294742334058_910919085_n 222424_444294215667444_2082388253_n 994795_444294192334113_1968684268_n 1013476_444294245667441_128478204_n 8608_444294149000784_703126302_n

Commenti Facebook

Powered by Facebook Comments

Elena Schiavon, blogger. (Padova, IT) A luglio è uscito il mio primo libro, un manuale sul "Little black dress - piccola guida al tubino nero" edito da Astraea. Colleziono rossetti rossi e scarpe. Sono co-fondatrice di www.impulsemag.it.

Share This Post

1 Comment

  1. Sfilata SOS INDIA – Roma 2007 all'Auditorium Parco della Musica - 27 agosto 2013

    [...] Make you up 2013 barcamp giovani Udine | Elena Schiavon [...]

Leave a reply

Perché?