Don’t Cry e Telefono Rosa: lo ricordate il vostro primo jeans?

Don’t Cry e Telefono Rosa: lo ricordate il vostro primo jeans?

Ieri mentre guardavo fuori dalla finestra pensavo: ma esiste qualcuno di noi o qualcuna di noi che non abbia un paio di jeans? Intendo, nonni o nonne a parte. Chi nell’armadio non ne tiene almeno un paio -per non dire 10, 20 o più-? La storia di molti di noi, i ricordi, alcuni attimi significativi si intrecciano con quei pantaloni di tela blu, che fanno da sfondo ad avventure, viaggi…o semplicemente la vita.

Lo ricordate il vostro primo paio di jeans? Io perfettamente, come ce l’avessi qui, di fronte agli occhi. Non credo fosse il primo – mia mamma mi ha raccontato che fin da piccolissima me li faceva indossare – ma è il primo di cui ho un ricordo. Erano di tela denim chiara, con le pinces, il risvolto, e foderati con una stoffa colorata (per tenere più caldo d’inverno, se non sbaglio). Ricordo che quando li indossavo -avrò avuto 6 o 7 anni- mi sentivo molto giusta. Perchè mi sentivo a mio agio, comoda, ma carina, grazie a quei dettagli, dal mio punto di vista, fashion, che li renevano ai miei occhi unici e speciali. Come unici e speciali saranno (spero!) i jeans che sto personalizzando per il progetto di Don’t Cry a supporto di Telefono Rosa; Don’t Cry è un marchio di denim made in Italy che supporterà (anche all’aiuto nel diffondere l’iniziativa di 9 blogger) l’associazione Telefono Rosa che lavora per sostenere le donne vittime di abusi.

Con gli anni i jeans sono diventati per me essenziali, e ho cambiato anche il modo di abbinarli e le occasioni d’uso. Ad esempio fino ad un paio di anni fa non potevo sopportare di indossare nello stesso look due lavaggi di denim diverso, mentre oggi il total look denim (camicia e pantaloni, come in questo video) è uno dei miei passepartout, che uso spesso e volentieri; l’anno scorso ho fatto incetta di skinny jeans, mentre ora ne ho in armadio quattro paia a zampa tutti nuovi.

E voi, lo ricordate il vostro primo paio di jeans? Com’erano?

foto Glitter tumblr

Commenti Facebook

Powered by Facebook Comments

Elena Schiavon, blogger. (Padova, IT) A luglio è uscito il mio primo libro, un manuale sul "Little black dress - piccola guida al tubino nero" edito da Astraea. Colleziono rossetti rossi e scarpe. Sono co-fondatrice di www.impulsemag.it.

Share This Post

5 Comments

  1. Don’t Cry e Telefono Rosa: un supporto concreto | Elena Schiavon - 23 novembre 2012

    [...] con Telefono Rosa, di cui vi avevo già anticipato qualcosa nel post precedente al mio diario del denim. Ho lavorato alla personalizzazione di un paio di jeans, di cui potete vedere un piccolo dettaglio [...]

  2. Co - 1 marzo 2013

    I seriously love your website.. Excellent colors & theme.
    Did you develop this website yourself? Please reply back as I’m planning to create my own personal site and would love to learn where you got this from or exactly what the theme is called. Appreciate it!

  3. Kate - 1 marzo 2013

    Heya i am for the first time here. I found this board and I find It really
    helpful & it helped me out much. I hope to
    provide something again and help others like you helped me.

  4. epos - 7 aprile 2013

    Hello there! I know this is kinda off topic but I was wondering which blog platform are
    you using for this website? I would be fantastic if you could point me in the direction of a good platform.

  5. vintage wedding - 7 aprile 2013

    Thanks for ones marvelous posting! I definitely enjoyed reading it, you are a great
    author.I will remember to bookmark your blog and will eventually
    come back from now on. I want to encourage that you continue your great
    job, have a nice morning!

Leave a reply

Perché?