My beauty experience: Aveda all’Excelsior Verona

My beauty experience: Aveda all’Excelsior Verona

Spesso mi è capitato di andare dal parrucchiere per dedicare qualche momento alla cura di me e a staccare la spina: non di rado mi è capitato di uscire dal salone più stressata di prima, per via del caos e della confusione tra phon, musica e chiacchiere. E’ vero che questo è forse un retaggio un po’ anni ottanta tipico soprattutto di un certo modo di intendere questo ambiente, ma ormai cerco di evitare queste situazioni di fastidio. Ed è proprio da questa riflessione che sono partita quando sono stata invitata all’Excelsior di Verona (il meraviglioso fratellino del luxury departement store milanese) per avvicinarmi al mondo Aveda attraverso il nuovo spazio allestito proprio all’interno del megastore (in cui vi consiglio di fare un giro).

Aveda realizza prodotti per la cura dei capelli in primis a partire da materie prime naturali basandosi su alcuni principi della filosofia ayurvedica, che coccolino le clienti in un clima rilassato, tranquillo, piacevole.

Ho provato ad entrare nel mondo Aveda e il primo approccio mi è piaciuto: una cerimonia di accoglienza – riservata a tutte le clienti – che va dal massaggio alle mani alla tisana alle erbe all’analisi dei chackra (a quanto pare ho il settimo chackra bloccato: ho bisogno di ferie) alla aromaterapia. La cosa che mi ha sorpresa è che questa marca ha cominciato il suo approccio ecologico e di benessere a tutto tondo in tempi non sospetti (era i 1978), quando l’ecologia ancora non era così di moda e il consumismo imperante. Il prossimo step è provare i trattamenti ai capelli e la cerimonia a 360°: so già che mi ritaglierò un momento di benessere e calma, ma su questo vi tengo aggiornate :-)

Aveda DSC_0356 DSC_0357 DSC_0359 DSC_0361 DSC_0366 20130613_162939 DSC_0370 DSC_0374 DSC_0375 DSC_0377 DSC_0378

Commenti Facebook

Powered by Facebook Comments

Elena Schiavon, blogger. (Padova, IT) A luglio è uscito il mio primo libro, un manuale sul "Little black dress - piccola guida al tubino nero" edito da Astraea. Colleziono rossetti rossi e scarpe. Sono co-fondatrice di www.impulsemag.it.

Share This Post

Leave a reply

Perché?